SergioFloccari.it

THE OFFICIAL WEBSITE

Contro il Milan servirà l'intensità

Parma, Sergio: "Contro il Milan servirà l'intensità"

A Bergamo ti hanno trattato bene.
"Era la seconda volta che ritornavo da ex a Bergamo, anche nel primo anno con la Lazio mi hanno accolto con tanto affetto. C'è stato un grande rapporto con loro che è andato oltre il calcio. Mi fa piacere che mi ricordano come una brava persona".

Come sono le tue condizioni fisiche?
"Sto bene, per il braccio ci vorrà ancora un po' di tempo. Applico un tutore ed una fascia rigida durante gli allenamenti, ci vorrà un po' di tempo per riprendere la funzionalità al 100%, ma è una cosa che si può gestire".

A livello mentale?
"Io sono un tipo che quando entra in campo è molto concentrato su quello che deve fare. In maniera conscia non mi condiziona l'infortunio, io non vado in campo pensando che ho il deficit del braccio, anzi cerco di fare al meglio quello che devo fare, se sbaglio non è colpa del braccio".

Con i difensori del Parma che fanno i cannonieri c'è bisogno che gli attaccanti facciano qualche gol.
"Sono importanti anche i gol dei difensori, in ogni squadra ci deve essere un apporto un po' di tutti. Siamo contenti quando i nostri difensori vanno anche in gol, è una cosa positiva, però anche noi attaccanti ci teniamo a fare il nostro, io spero di dare il mio contributo alla squadra. Penso che in fase offensiva siamo cresciuti".

Dopo l'Atalanta ora c'è il Milan, qual è il sogno di Floccari?
"Noi dobbiamo cercare di fare la partita giusta, siamo consapevoli che giochiamo contro una squadra che dal punto di vista fisico e tecnico ha delle enormi qualità. Dobbiamo concentrarci su quello che dobbiamo fare noi e farlo allo stesso tempo nel migliore dei modi, andremo ad affrontare forse la squadra più forte del campionato, però dobbiamo tenere anche in mente quelle che sono le nostre qualità, cercando di sfruttarle. Non dobbiamo snaturarci troppo, questo è importante, dobbiamo cercare di mettere in difficoltà una squadra molto forte".

Quindi non è una pratica già archiviata.
"Nel calcio nulla è impossibile e credo che sia proprio questo che appassiona milioni di tifosi. Noi ci crediamo ed è giusto che sia così, oltre che dirlo stiamo lavorando in questo senso, seppur consapevoli che giocheremo contro una squadra fortissima, abbiamo le nostre carte da giocare e ce le giocheremo in maniera attiva. Dobbiamo sfruttare le nostre qualità, perchè ne abbiamo".

Sei mai andato a segno contro il Milan?
"Due volte, una volta con l'Atalanta quando vincemmo in casa con il Milan, nel 2008, l'ultima volta con la Lazio pareggiammo 1-1 all'Olimpico".

Sono stati entrambi gol importanti.
"Con l'Atalanta vincemmo 2-1, con la Lazio pareggiammo 1-1 in casa".

Ieri Zaccardo ha detto che Thiago Silva è forse il miglior difensore in Europa, come si supera questo giocatore?
"A mio avviso è uno dei più forti al mondo, ho giocato contro di lui e con giocatori così forti devi fare tutto con l'intensità incredibile, anche la cosa più semplice la devi fare con l'intensità altissima. Si può far gol anche a calciatori così forti, mettendo in campo un'intensità molto alta, secondo me Thiago Silva è tra i più forti difensori al mondo per qualità tecniche e fisiche, noi da parte nostra dobbiamo metterci una grande intensità e ci proveremo".

Contro il Milan sarà più importante la fisicità o la velocità?
"Contano sia fisico che velocità, però se hai queste caratteristiche ma non lo fai con l'intensità giusta non hanno un peso specifico. Quindi ritorno a dire che l'intensità è fondamentale, perchè se la mettiamo solo sul discorso fisico loro sono fortissimi e quindi non ci sarebbe partita. C'è bisogno che ogni calciatore e la squadra come collettivo dia il massimo, quello è l'unico modo per mettere in difficoltà una squadra molto forte. Dobbiamo mettere in campo la massima intensità".

A livello personale ti reputi soddisfatto di questa stagione a Parma?
"I bilanci li faccio a fine stagione, anche se devo dire che le mie aspettative erano diverse fino a questo punto, credo che si può fare sempre di più. Spero di recuperare da qui alla fine quello che non ho dato in questi mesi. Forse fare un bilancio è presto perchè deve essere fatto anche a livello di squadra, dobbiamo vedere a fine anno il Parma che campionato ha fatto e da lì analizzerò anche il mio rendimento".

Parli del tuo numero di gol o del tuo rendimento?
"In generale, chiaro che i numeri sono importanti, però io mi auguro che cambieranno fino alla fine dell'anno. Io vorrei vedere il Parma che tipo di campionato ha fatto, queste partite finali saranno decisive per quello che sarà il nostro campionato".

La classifica un po' corta nella parte bassa preoccupa?
"Quando penso a questo credo che noi dobbiamo rimanere solo concentrati su di noi, il problema è quando una squadra non riesce a trovare il gioco, invece noi ci siamo, il Parma c'è. Se hai questo tipo di atteggiamento e proponi il calcio i risultati arrivano, noi siamo molto concentrati su questo ed a mio avviso dobbiamo continuare così".

Fonte: FcParmaTv