SergioFloccari.it

THE OFFICIAL WEBSITE

Conferenza Stampa prima della Fiorentina

Parma, sergio: "Sono pronto per partire titolare"

 

Dopo la vittoria di ieri contro il Chievo, arrivata proprio allo scadere, si è presentato questa mattina in conferenza stampa Sergio Floccari, ultimo acquisto in casa gialloblu, che tra due giorni, contro la Fiorentina, sarà probabilmente chiamato a svolgere un compito piuttisto difficile: sostituire lo squalificato Giovinco. Ecco le parole dell'attaccante crociato:

Partiamo da ieri: un buon primo passo dopo il debutto infelice di Torino...
"Dovevamo sicuramente riscattare la prova negativa di Torino, e ci siamo riusciti almeno per quanto riguarda il risultato, perchè i 3 punti contro il Chievo valgono doppio. La prestazione è stata buona, anche se non abbiamo avuto tanta continuità, ma è comprensibile, perchè siamo ad inzio stagione, quindi dobbiamo ancora migliorare qualcosina".

Sei entrato in campo in un momento difficile per la squadra, e sicuramente non sei stato aiutato. Come procede il tuo inserimento nel gruppo anche da un punto di vista tecnico?
"Direi bene. Ieri sono entrato in un momento difficile e ho cercato di dare una mano alla squadra. E' giusto capire i momenti di difficoltà della squadra e cercare di aiutare. Il mio inserimento nel gruppo sta procedendo bene, è un gruppo molto sano, che mi accolto bene, anche dal punto di vista tecnico. Partite come quelle di ieri sono molto intense, e sono contento perchè mi aiutano a mettere minuti nelle gambe, che per me adesso è la cosa più importante".

Sia a Torino che ieri hai dovuto fare un lavoro più di copertura. Hai avuto pochissime palle giocabili in attacco, ma sei stato preso come finalizzatore. Quindi i tifosi del Parma devono ancora vedere il vero Floccari?
"Il vero Floccari è anche quello di ieri, a mio avviso bisogna saper leggere i momenti delle partite e fare quello che il momento richiede. Ieri sono entrato in un momento difficile e bisognava far quello, quando capiteranno altre situazioni bisognerà sfruttarle al massimo. Ogni singolo giocatore deve mettersi a disposizione e riuscire a leggere al meglio le situaizoni della gara.".

Dopodomani si torna già in campo, si dovrà fare un po' di turn over e mancherà Giovinco per squalifica. E' probabile che sia arrivato il momento per te del debutto dal primo minuto, come ci si aspettava da tempo, no?
"Sì, c'è questa possibilità, anche se bisogna vedere le valutazioni che farà il mister. Se dovessi partire dal primo minuto sarei molto felice, perchè è la cosa più bella per tutti. Sono pronto, sono venuto qui per mettermi a disposizione della squadra e per riuscire a fare qualcosa d'importante anche per i miei compagni".

Al di là dei tre punti, cosa vi dà la vittoria di ieri, raggiunta al primo minuto di recupero?
"I tre punti non sono una cosa di poco conto. Il Chievo è una squadra difficile da affrontare, quadrata, compatta, sempre corta tra i reparti, è una squadra molto "antipatica" da affrontare. Avere ottenuto i tre punti è già una grande cosa, comunque la vittoria ci dà fiducia, ci dà morale, ci dà la consapevolezza di aver fatto delle buone cose, ma anche la consapevolezza di dover migliorare, come è normale a inizio campionato per una squadra. C'è sempre qualcosa da mettere a posto. Comunque il fatto di aver riscattato la prova di Torino e di avre fatto tre punti importanti ci dà morale, senza dubbio".

Tu hai detto di essere pronto a giocare dal primo minuto, ma come stai fisicamente? pensi di avere i novanta minuti nelle gambe?
"Se ho detto che sono pronto è perchè me la sento, poi è chiaro che non sempre si finiscono le partite, ma questo vale per tutti. Partite come quella di Torino e quella di ieri mi sono servite per mettere minuti nelle gambe, e mi sento di dire che se dovessi partire dal primo minuto, sono pronto".

Che Fiorentina ti aspetti, arrabbiata dopo ieri, senza Gilardino, forse anche senza Montolivo?
"Al di là delle assenze, anche se sono pesanti, perchè parliamo di giocatori fortissimi, la Fiorentina è completa in tutti i reparti e ha sempre alternative valide. E' una squadra con una mentalità vincente, per questo per noi sarà molto dura. Mi aspetto che vogliano riscattare il risultato negativo, è una squadra che rispecchia il carattere del suo allenatore, quindi troveremo una Fiorentina molto vogliosa e determinata, ma ci dobbiamo preparare a questo. Sappiamo che soffriremo molto, ma dobbiamo anche essere pronti a giocarci le nostre carte e a fare loro male quando sarà possibile".

Sempre parlando di assenze, a voi mancherà Giovinco, che al di là di essere il capocannoniere della Serie A al momento, è un giocatore molto atipico, molto fantasioso, quindi dovrete cambiare modo di giocare. Sono situazioni che avete già provato in allenamento o proverete solamente in questi giorni?
"In allenamento si provano sempre diverse soluzioni, è chiaro che Seba per caratteristiche fisiche e tecniche è un giocatore non rimpiazzabile, per cui sicuramente ci dovremo adeguare e provare nuove soluzioni. In allenamento appunto si provani molte cose, per cui siamo pronti, anche se sicuramente in questi due giorni cercheremo di preparare nello specifico quello che sarà il nostro gioco contro la Fiorentina. Chiaramente non ci saranno le stesse giocate, perchè, ripeto, è difficile rimpiazzare Seba, però secondo me possiamo far bene".

Negli spogliatoi vi ha per caso chiesto scusa dopo la partita per essersi fatto buttare fuori?
"No, gli abbiamo chiesto e lui ha detto che non ha proprio sentito il fischio, perchè in quel momento era proprio vicino alla curva dove c'era molto rumore. Peccato perchè è in un momento di grande forma e per noi è molto importante, però adesso gli diamo un turno di riposo e starà ancora meglio domenica prossima".