SergioFloccari.it

THE OFFICIAL WEBSITE

Vai Sergio... da Citta Celeste

LAZIO-PALERMO: VAI FLOCCARI, CANCELLA UN 2011 DA INCUBO !

Un 2011 stregato. E’ quello che sta vivendo Sergio Floccari. Escluso il gol di Bologna, tra l’altro inutile, è cominciato un anno da incubo. Il 2010 si era chiuso con 14 gol ufficiali con la maglia della Lazio. Numeri importanti, che, nella stagione scorsa soprattutto, avevano contribuito alla salvezza della compagine biancoceleste.

Il suo periodo no è iniziato, comunque, in maniera assurda, all’insegna della sfortuna più nera. Come dimenticare l’iniziativa di beneficenza al Palalottomatica di Roma, in cui le due squadre capitoline si sfidarono in una partita di Basket? Passarono solo pochi minuti e Floccari, scontrandosi con Muslera, ricadde malamente a terra procurandosi una distorsione alla caviglia.

Un infortunio che lo costrinse a saltare l’Udinese. Nelle partite successive, senza la forma migliore, Floccari gira al largo dalla porta, con cui ritrova il feeling proprio nella sfortunata trasferta di Bologna. 1 gol, ma anche le parate decisive di Viviano e un geniale assist di tacco per Mauro Zarate.  E’ un lampo nel buio. Arriva l’ennesimo stop. Distrazione al ginocchio. E’ l’espolsione di Kozak, che, anche nel ballottaggio di Cagliari, vince e scende in campo titolare. Per Floccari uno spezzone di gara con una bella fuga, in cui quasi conquista un calcio di rigore, e un colpo di ‘suola’ che va ad accarezzare il palo.

I primi segnali confortanti di un Floccari in ripresa. I suoi gol servono a questa Lazio e Reja potrebbe decidere, proprio contro il Palermo, di mandarlo in campo. Magari con un revival: Floccari unica punta, con Sculli-Hernanes-Zarate alle sue spalle. Un ritorno al passato che non lo vedrebbe agire defilato come per larghi tratti di questo campionato.

Parlando a Lazio Style Radio, in settimana, Floccari ha anche ripreso le sembianze dell’uomo-squadra, dando la corretta ricetta per inseguire la Champions: “Dobbiamo vivere la ricerca di quest’obiettivo con entusiasmo e non con stress, vivendo il tutto alla giornata”.

Fonte : sito www.Cittaceleste.it